Domani la Conferenza ad Arezzo

Da quest’anno sono, infatti , diventate tre, seguendo la ripartizione territoriale per Area Vasta come da riforma del Sistema Sanitario della Toscana

12 febbraio 2016

(Firenze 12.2.2016) – Si svolge domani ad Arezzo la seconda delle tre Conferenze di Organizzazione di Avis Toscana. Da quest’anno sono, infatti , diventate tre, seguendo la ripartizione territoriale per Area Vasta come da riforma del Sistema Sanitario della Toscana. Domani, appunto, si terrà quella dell’Area Sud Est.
 
All’incontro partecipano dirigenti, volontari e operatori delle Avis che insieme cercheranno di analizzare punti di forza e di debolezza, prospettive e idee per il prossimo futuro.
 
Tantissimi i temi sul tavolo. Tra di essi: il donatore e l’attenzione a tutto il percorso della donazione, il nuovo assetto dato dalla riforma del sistema sanitario della Toscana,  il ricambio generazionale all’interno dell’Associazione e l’utilizzo delle nuove tecnologie. Grande spazio verrà dato, inoltre, all’obiettivo che Avis si è data di raggiungere entro la fine del 2016, e cioè effettuare l’80% delle donazioni annue mediante prenotazione.
 
Secondo Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana “questi sono tutti temi che la dirigenza regionale ha inteso affrontare in modo approfondito  nei diversi territori, per delineare, alla conclusione del ciclo di incontri, alcune linee guida cui ispirarsi per affrontare l’attività nell’operatività quotidiana. Il percorso ha inoltre lo scopo di far emergere quelle criticità che ci consentiranno di intervenire nei modi più appropriati. L’impegno principale che ci attende nei prossimi tempi– prosegue Agnolucci – sarà quello di far crescere l’Associazione affinché possa essere in grado di soddisfare i nuovi bisogni della Sanità toscana in termini di donazioni, per i pazienti che necessitano di trasfusioni e di farmaci emoderivati, ma anche quello di valorizzare il donatore nel suo importantissimo gesto. E’ un work in progress per fare meglio e in modo sempre più a misura di donatore”.
 

Qualche dato: l’Area Vasta Sud Est, di cui Arezzo e Provincia fanno parte, insieme a Siena e Grosseto, nel 2015 ha ottenuto il brillante risultato di 34.347 donazioni (che rappresenta  30%  del totale regionale di 117.653 donazioni). Rispetto alla media regionale di donazioni prenotate, pari al 60%, l’Area Vasta Sud Est registra il 65,6% di prenotazioni.