Sedi Avis al lavoro per contribuire a far rientrare la situazione

Ad agosto le donazioni Avis hanno visto un calo limitato al 3,7% a fronte del - 10% toscano

04 settembre 2020

E' un lavoro costante e organizzato che non si è mai fermato nemmeno nel mese di agosto quello delle sedi Avis della Toscana per garantire al sistema sanitario l'afflusso di donazioni di sangue, plasma e altri componenti che sono fondamentali per le cure di migliaia di pazienti. In questi giorni il sistema registra una carenza di disponibilità di sangue in Toscana e le associazioni come l'Avis stanno facendo il possibile per contribuire a farla rientrare. Nel mese di agosto le donazioni di donatori Avis hanno visto un calo limitato al 3,7% a fronte del - 10% registrato complessivamente in Toscana. Una diminuzione contenuta nonostante il periodo critico grazie al grande impegno delle 185 sedi che hanno lavorato intensamente anche nell'attività di chiamata e di gestione delle prenotazioni: rispetto al mese di agosto 2019 sono state 1248 le prenotazioni in più assegnate (8.122 rispetto alle 6.874).

“La generosità dei donatori -sottolinea il presidente di Avis Regionale Toscana Adelmo Agnolucci- non è mai venuta meno durante i periodi più difficili dell'inizio della pandemia e non sta venendo meno in questo momento. Siamo tutti consapevoli che, con la ripresa delle attività chirurgiche, sangue e plasma non dovranno mancare nei centri trasfusionali e degli ospedali toscani. Non è semplice, anche a causa dell'emergenza sanitaria e delle misure precauzionali, assicurare gli accessi ai centri trasfusionali che erano soliti in precedenza: per questo è importante che tutti i donatori garantiscano un flusso costante di donazioni nelle prossime settimane tramite la prenotazione, senza scoraggiarsi se viene assegnata anche dopo alcuni giorni. Ci auguriamo che con l’impegno e la collaborazione di tutti la situazioni rientri presto alla normalità".

Per affrontare e prevenire la carenza, la parola d’ordine è quindi “programmare” al fine di garantire continuità e stabilità del nostro sistema e mantenere intatte le scorte. In Italia ogni 10 secondi una sacca di sangue viene trasfusa per patologie croniche come le varie forma di anemia o l’emofilia, per tumori e leucemie, per situazioni gravi come incidenti, trapianti, interventi chirurgici. A queste vanno aggiunte le sacche di plasma che vengono inviate alle industrie farmaceutiche che le lavorano per farle diventare medicinali emoderivati. Avis Regionale Toscana ricorda che sul proprio sito a questo link è presente la mappa di tutte le sedi con i contatti per prenotare la donazione e ricevere tutte le informazioni utili.

Galleria immagini