Trasmigrazione al RUNTS: Avis toscana completa le procedure entro i termini previsti

28 ottobre 2022

Un’operazione non semplice da portare a termine, ma possiamo dichiarare con soddisfazione che tutte le Avis della Toscana hanno completato il passaggio al RUNTS entro i termini di legge definiti dal Decreto Ministeriale 15 settembre 2020, n. 106 e dai relativi allegati.

Ma perché questo passaggio è così importante?
Il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) è il registro telematico istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in attuazione degli artt. 45 e segg. del Codice del Terzo Settore (Decreto Legislativo 3 luglio 2017, n. 117), per assicurare la piena trasparenza degli enti del Terzo settore (ETS) attraverso la pubblicità degli elementi informativi che vi sono iscritti.
L’iscrizione al RUNTS consente di acquisire la qualifica di Ente del Terzo Settore (ETS) o, a seconda dei casi, quelle specifiche  di Organizzazione di Volontariato (ODV), Associazione di Promozione sociale (APS), Ente Filantropico, Rete Associativa; di beneficiare di agevolazioni, anche di natura fiscale, di accedere al 5 per mille e per specifiche tipologie di ETS a contributi pubblici o di stipulare convenzioni con le pubbliche amministrazioni.

In un tempo relativamente breve circa due mesi (abbiamo cominciato il 22 agosto), grazie al coordinamento di Avis Toscana tutte le AVIS toscane hanno potuto modificare i propri statuti e registrarli presso l’Agenzia delle Entrate per adeguarsi alla normativa e trasmigrare al RUNTS. Un lavoro impegnativo e sinergico che ha visto la collaborazione attiva di tutte le realtà associative e ha permesso che raggiungessimo il traguardo precisamente nei tempi e modi previsti attualmente dalla legge. Un passaggio non semplice, ma che abbiamo portato a termine con successo, e che rappresenta l’inizio del dialogo
digitale con la PPAA che Avis, come tutti gli ETS, dovrà imparare a gestire.
Prossimo step: attivazione SPID per tutte le associate.

Galleria immagini